L’ESPERIENZA DI TRANCE: IL METODO

Tanti sono i percorsi all’interno della mente, tante le via d’accesso all’anima, tanti gli ostacoli e le resistenze per cercare la ragione intrinseca delle essenze legate ai dubbi dell’esistenza, della sofferenza, del dolore, ma anche della gioia e dell’amore. Speculiamo e riflettiamo da sempre sull’innato disordine che regna nello spirito della nostra specie, cercando di dare un senso razionale e prevedibile alle nostre azioni.

Cerchiamo leggi e principi che possano, alla luce del positivismo scientifico, avallare e confermare le nostre ipotesi, cerchiamo, come gli alpinisti più esperti, nuove vie da esplorare per raggiungere le vette più alte del mondo.

Quel che spesso sfugge anche agli esperti più illuminati è che la profondità e la complessa contraddittorietà dell’inconscio risulta dissonante al senso d’ordine, spesso ossessivo e angosciante richiesto dal mondo delle regole.

Le Scienze umanistiche, psicologiche e filosofiche tendono a leggere e a classificare i dati emergenti dalla mente cercando attraverso i modelli teorici interpretazioni o rimedi. Non riesco ad immaginare una savana o un bosco ritoccato dalla mano dell’uomo, so che nella razionalità del giardino rinascimentale un solo filo d’erba in più genera caos e disordine, ma so pure che al filo d’erba dobbiamo la salvezza dell’anima, perché il caos è il regno della nostra creatività e la creatività è il luogo dove i germi della vita traggono forza e sviluppo per la nostra evoluzione.

C’è un senso, un’anima, una luce comune a tutte le forme di vita e non, che costituiscono l’universo, siamo tutti legati da un filo invisibile che crea delle maglie di energia e dei legami, dei ponti nei quali siamo contemporaneamente antenna e bersaglio.

Siamo immersi in fasci di luce dove vari livelli di vibrazioni parallele sollecitano continuamente il nostro IO, siamo una realtà inconscia, fragile e vulnerabile, da affidare al vento per viaggiare verso il calore del sole e la freschezza dell’acqua pura.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...